Marguerite Vogt, solo una persona meravigliosa

Per compilare un elenco di scienziate alle quali è stato negato il Premio Nobel ci vorrebbe troppo tempo.

È qualcosa che certamente riguarda il passato e speriamo che questo tipo di elenchi non sarà più necessario in futuro.

“Sono felice di non essere stata disturbata”, disse Marguerite Vogt a Natalie Angier, New York Times, nel 2001,   “quando diventi troppo famoso, smetti di essere in grado di lavorare”.

Marguerite Vogt non ha mai ricevuto un premio prestigioso e non ha nemmeno meritato l’iscrizione all’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti.

Questa storia non era nuova per lei: sua madre Cécile Mugnier Vogt è stata la prima donna ad essere nominata per il premio Nobel per la medicina nel 1922 (mai premiata). 

Marguerite Vogt pubblicò il suo primo articolo scientifico all’età di 14 anni. Lei e sua sorella, Marthe, crebbero nel più innovativo laboratorio scientifico del loro tempo e dai loro genitori ricevettero anche le basi per diventare scienziate.

Nel 1950 si trasferì negli Stati Uniti, al Calthech, il laboratorio di virologia del California Institute of Technology di Pasadena, e portò con sé solo il suo pianoforte a coda.

Era una scienziata, una musicista e un’atleta competitiva.

Vogt “era  una persona inusuale, così entusiasta e appassionata di scienza”, riferì Lee Hartwell a Ivan Oransky nel 2007.

Al Caltech, nell’estate del 1952, Marguerite Vogt iniziò una lunga collaborazione con il biologo molecolare Renato Dulbecco, che continuò al Salk Institute for Biological Studies di La Jolla, in California, dal 1963 al 1972.

Attraverso il loro lavoro con i virus patogeni viventi, Vogt e Dulbecco fondarono il campo della virologia molecolare.

Vogt conduceva le sue ricerche in un laboratorio seminterrato isolato perché era rischioso: “Non ho detto ai miei genitori che stavo lavorando con il virus della polio”.

I loro risultati trovarono immediata applicazione nello sviluppo di un vaccino antipolio.

Più tardi, i due ricercatori hanno esplorato come un tipo di virus tumorale dei mammiferi chiamato poliomavirus trasformi le cellule normali in cellule tumorali, una ricerca che ha portato lo studio  della biologia dei tumori dalla semplice catalogazione dell’anatomia grossolana di una cellula tumorale all’indagine delle mutazioni genetiche che sono alla base della malattia”, come riportato da Angier.

 

Quando ho iniziato con il poliomavirus, avevamo bisogno di un metodo di analisi per il virus”, disse Dulbecco a Oransky. “Il virus può fare due cose: uccidere le cellule e trasformarle. L’effetto dell’uccisione può essere facilmente testato. Quello che era difficile era testare l’effetto di trasformazione. In generale abbiamo usato le cellule del topo, ma queste venivano uccise dal virus. Marguerite ha scoperto che le cellule di criceto, non vengono uccise, ma vengono trasformate dal virus”.

Nel 1975 Dulbecco condivise il premio Nobel con David Baltimore e Howard Martin Temin “per le loro scoperte riguardanti l’interazione tra i virus tumorali e il materiale genetico della cellula”.

Non c’era alcuna menzione per Marguerite Vogt.

Nella sua conferenza alla cerimonia di ricevimento del Nobel , Renato Dulbecco riconobbe  l’assistenza di molti ricercatori, ma dimenticò il nome di Marguerite Vogt, nonostante avesse incluso nella bibliografia cinque delle loro pubblicazioni congiunte.

Il suo nome può essere trovato nella sezione Autobiografica : “e Marguerite Vogt ha contribuito alla mia conoscenza delle colture di cellule animali”, quindi il suo contributo non sembra essere stato altro che un’assistenza tecnica.

Dulbecco ha ricevuto molti altri riconoscimenti per il loro lavoro comune, ma è stato alla morte di Vogt che la ricordò come “una meravigliosa lavoratrice e una persona meravigliosa“, senza mai riconoscerne il merito per il suo successo.

“Dobbiamo essere molte di più in giro”, disse Vogt riferendosi alle donne nella scienza, “forse allora sarà difficile ignorarci”.

About the author: The Wins

Leave a Reply

Your email address will not be published.