Questo articolo racconta la vita e le carriere di una madre, Cecile e di due figlie, Marthe e Marguerite Vogt

#InternationalDayofWomenandGirlsinScience
“Questo articolo racconta la vita e le carriere di una madre, Cecile e di due figlie, Marthe e Marguerite Vogt che hanno avuto importanti carriere come ricercatrici. Era un’epoca in cui le donne non erano accettate nei circoli scientifici del mondo accademico.

Cecile Vogt ha svolto un ruolo chiave nella ricerca sul cervello durante la prima metà del 20 ° secolo. Usando nuovi metodi di studio delle funzioni cerebrali, che includevano criteri strutturali e funzionali, si affermò come una delle scienziate più importanti del suo tempo.
[leggi il suo profilo sul nostro sito web ]

Sposò Oskar Vogt (1870-1959) nel 1899. Si erano conosciuti quando lui era arrivato a Parigi per lavorare con Joseph Jules Dejerine. In seguito, le attività scientifiche della coppia si svolsero in una serie di istituti di ricerca sviluppati e diretti da Oskar.

Cecile ha aiutato a identificare le unità funzionali della corteccia cerebrale in collaborazione con Korbinian Brodmann (1868-1918)
Ha correlato l’anatomia cerebrale con la paralisi cerebrale e contribuito alla conoscenza della patologia associata alla corea di Huntington.

Alla fine degli anni ’20, i risultati delle ricerche di Cecile fornirono una base per avviare l’impiego di interventi farmacologici nei i disturbi psichiatrici. Cecile in seguito ridefinì [l’isteria] come un problema somatico che coinvolge la struttura e la funzione del corpo striato.

A Cecile Vogt è stata anche attribuita la formazione di molti giovani scienziati, tra cui Delbruck e Dulbecco.
Cecile preferiva restare sullo sfondo. Di conseguenza, non ha mai ricevuto un riconoscimento adeguato.
[leggi il nostro post Nessun premio Nobel per Cecile Mugnier Vogt ]

I successi di Marthe Vogt (1903-2003), come quelli di sua madre, rappresentarono un’eccezionalità per il suo tempo. Fin dalla prima infanzia lei e la sorella erano state esposte dai loro genitori a un vivace ambiente scientifico
[Martha Vogt sarà una delle nostre pioniere WiNeu]

Sebbene non fosse di origine ebraica e priva di convinzioni politiche forti, Vogt fu una dei pochi
scienziati tedeschi a dichiarare apertamente il suo disprezzo per il nazismo. Presto fu chiaro che avrebbe dovuto lasciare la Germania per continuare il suo lavoro.

Lasciò la Germania nel 1935 con una borsa di studio Rockefeller. Per il resto della sua carriera, Vogt si divise tra Londra, Cambridge ed Edimburgo.

Non è un’iperbole affermare che Marthe è stata una dei neuroscienziati più esperti del XX secolo,
la prima a dimostrare il rilascio di più trasmettitori nel cervello (acetilcolina, norepinefrina, serotonina, dopamina), Vogt ha fornito le basi per molti studi futuri

Quando Marthe Vogt andò in pensione nel 1968, ricevette molte altre onorificenze per il suo lavoro in neurofarmacologia … Tuttavia, trovò ancora il tempo per aiutare i rifugiati provenienti dalla Spagna durante la guerra civile, per assistere gli ebrei sfollati e per essere attiva in un’organizzazione antinucleare.

Marguerite Vogt (1913-2007), come la sorella, fu cresciuta dai suoi genitori per interessarsi alla scienza. La sua devozione alla ricerca iniziò all’età di 14 anni quando intraprese una serie di studi studi che descrivevano le mutazioni della Drosophila.

Dopo la guerra, Marguerite era così disgustata dalle sue esperienze con il fascismo che accettò l’offerta di una posizione negli Stati Uniti presso il California Institute of Technology
dopo che Delbruck propose che Marguerite collaborasse con un giovane ricercatore dell’istituto, Renato Dulbecco,

intraprese uno studio per sviluppare un metodo di coltura per il virus della polio e un test quantitativo per identificare particelle di virus in vivo. Marguerite e Dulbecco divennero così i primi ricercatori a osservare che il virus della polio formava placche nella coltura dei tessuti.

A partire dagli anni ’70, il lavoro di Marguerite sui virus e sull’espressione oncogenica ha fornito importanti dati sulla natura genetica delle neoplasie. Marguerite, finanziata dal NIH ben oltre i suoi 80 anni, continuò a scrivere articoli a 90 anni.

Marguerite Vogt può essere considerata tra i più grandi scienziati. Non le piaceva parlare o commercializzare il suo lavoro; e fu solo nel 1973 che Marguerite fu nominata per una posizione di ricercatrice.

Tuttavia, si occupò della formazione di molti giovani scienziati e traeva vero piacere dai loro successi. Molti di loro hanno vinto il Nobel, tra cui David Baltimore e Paul Berg
[leggi il nostro post ‘Marguerite Vogt. Solo una persona meravigliosa ]

Le carriere di Marthe, Marguerite e Cecile Vogt contribuirono incommensurabilmente a fortificare la tradizione delle donne che perseguono un percorso di ricerca. Tutte e tre avevano una serie di obiettivi scientifici di vasta portata che volevano raggiungere.

trassero vantaggio nella vita e nel lavoro da un’atmosfera che favoriva l’espressione del loro impegno nei confronti della scienza, e questo ha fatto sì che lasciassero un’eredità di conoscenze duratura, spianando la strada ad altre scienziate che le seguirono ”
Rubin. The Vogt family, 2017

About the author: The Wins

Leave a Reply

Your email address will not be published.